Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Associazione Alessandro Annoni: cosa ha fatto?

Domenica 27 per il Parco di Villa Annoni si concluderà la stagione estiva, questo non significa chiusura dei battenti, infatti l’associazione Alessandro Annoni, garantirà l’apertura per tutto l’inverno, anche se con orari differenti più consoni al periodo: da lunedì a sabato 14.00-17.00, domenica e festivi 10.00-12.00 / 14.00-17.00.

Abbiamo incontrato il presidente dell’associazione Eugenio Cislaghi, per farci spiegare quanto fatto da gennaio a oggi e ci siamo resi conto da subito del grosso lavoro che i volontari hanno eseguito.

Prima di tutto hanno svolto quanto scritto in convenzione, cioè apertura e chiusura del Parco, sorveglianza, pulizia e manutenzione della zona nobile e dell’area giochi; poi con passione si sono dedicati anche a quel di più che era necessario, in accordo con Lisa Hilderbrand (la responsabile).

I volontari hanno irrigato 2-3 volte a settimana la parte centrale del Parco e 50 piante di bosso, pulito i viali delle zone a bosco, rimosso rami secchi, piccole piante morte di poco pregio (sambuco) e due di medie dimensioni. Senza dimenticare i diversi interventi straordinari legati alle intemperie, che da gennaio a oggi sono stati più del previsto (neve, pioggia, fino all’ultima tempesta)…insomma si sono presi cura di questo splendido luogo in modo spontaneo, appunto con passione.

Il gruppo ha anche apportato alcune novità, ve ne citiamo una. Durante le pulizie straordinarie del Parco, rami e ramaglie sono ammucchiati e poi vengono ritirati dall’azienda agricola Villa, che li utilizza per produrre concime, invece in passato erano portati all’ecoarea con conseguenti costi di gestione e smaltimento: una soluzione più ecologica e meno costosa.

L’associazione del Parco prende un contributo annuale dal Comune, questi soldi sono utilizzati per le spese che il gruppo deve sostenere in questa attività di volontariato, ad oggi possiamo già scrivere 600 euro di assicurazione infortuni e responsabilità civile, 200 euro all’agenzia delle entrate per registrare l’associazione, circa 100 euro per attrezzature da utilizzare per i lavori.

Ci sarebbe ancora tanto da dire, per esempio gli eventi ed attività all’interno del Parco cominciano davvero ad essere numerosi ed interessanti, ne scriveremo la prossima settimana, perché vale la pena dedicare all’argomento un articolo intero. Per ora un doveroso grazie ai volontari.

Tag(s) : #ambiente territorio urbanistica Parco