Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Solidarietà all'amministrazione di Castano Primo

"E' inaccettabile che con un sotterfugio, fingendo una manifestazione sportiva, si richieda una struttura pubblica per poi organizzare un raduno politico come fatto da CasaPound, associazione che si richiama esplicitamente all'esperienza fascista, cosa che la Costituzione della nostra Repubblica vieta espressamente. Bene ha fatto il Sindaco di Castano Primo a revocare l'autorizzazione appena appurata la natura dell'evento. Anche il prefetto di Milano ha vietato la manifestazione. Purtroppo invece alcuni partiti politici (Lega Nord, Forza Italia) parteciperanno addirittura all'evento con propri rappresentanti, dando un messaggio di rinnegazione della lotta partigiana che ha avuto luogo nei nostri territori, anche col sacrificio della vita di tanti patrioti dei nostri Comuni".

Così il Sindaco di Cuggiono Flavio Polloni ha espresso solidarietà e condivisione all'intervento dell'amministrazione di Castano Primo. Ha inoltre sottoscritto il comunicato stampa (riportato sotto) insieme a molti altri sindaci e all'ANPI del territorio e stamattina porterà personalmente a Castano la vicinanza e solidarietà sua e dell'Amministrazione di Cuggiono per quanto accaduto.

Nel fine settimana a Castano ci saranno oltre 500 agenti delle forze dell'ordine. I cittadini e il territorio non sentivano certamente l'esigenza di questa occorrenza che ci auguriamo non crei disordini e ulteriori disagi e gli organizzatori capiscano chiaramente che questo raduno non è deve svolgersi.

Anche noi di Cuggiono Democratica vogliamo esprimere la nostra solidarietà all'amministrazione di Castano Primo e sosteniamo la presa di posizione del sindaco Polloni.

I Sindaci dei Comuni di:

  • Inveruno;

  • Arconate;

  • Cuggiono;

  • Canegrate;

  • Nerviano;

  • Magnago;

  • Rescaldina;

  • Dairago;

  • Villa Cortese;

  • San Giorgio su Legnano;

  • Cerro Maggiore

  • Busto Garolfo;

  • Legnano;

  • Nosate;

l’Anpi – zona Castanese

e la Società Civile tutta,

esprimono la propria condivisione alla scelta del Sindaco di Castano Primo di revocare l’autorizzazione al raduno nazionale dei fascisti di Casa Pound, anche perché vigliaccamente la richiesta era stata presentata a nome di una società sportiva anzichè a nome di Casa Pound e inoltre la richiesta prefigurava una serie di manifestazioni sportive nascondendo artatamente il raduno politico.

Ribadiscono che la Costituzione della Repubblica Italiana, nata dalla Resistenza, vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista” e chiedono che tale disposizione venga coerentemente applicata dai competenti Organi dello Stato verso ogni manifestazione e raduno di forze neofasciste.

Riaffermano come i nostri Comuni, che hanno visto negli anni della Resistenza deportazioni nei campi di sterminio nazisti, fucilazioni e torture non solo di partigiani ma anche di cittadini inermi, sono e saranno baluardo verso ogni rigurgito fascista.

Invitano tutti i cittadini dei Comuni del Castanese e del Legnanese a manifestare la propria solidarietà e vicinanza al Sindaco, alla Giunta ed alla popolazione di Castano Primo, luogo natale di tre giovani patrioti partigiani fucilati dai nazifascisti nel febbraio del 1945.

Tag(s) : #notizie