Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Blog di Cuggiono Democratica

Cittadini che partecipano ai lavori del gruppo "Cuggiono Democratica"

Blog di Cuggiono Democratica

Abbattimento piante via Rossetti

Nei prossimi giorni vedremo in via Rossetti, da via Garibaldi fino all’incrocio di via Roma, uomini e mezzi che interverranno abbattendo le piante che costeggiano la strada. Cosa è successo? L’abbiamo chiesto all’assessore Giovanni Cucchetti, che ci ha spiegato tutto dall’inizio. A cominciare da chi è la causa del problema, cioè quello che in gergo chiamiamo Tarlo Asiatico, e per il quale a Cuggiono come in altri paesi dove ne è stata rilevata la presenza, è vietato piantare alcune specie (a proposito si può chiedere in comune o consultare il regolamentoTarlo-asiatico---adulto.jpg edilizio on-line).

L’Anoplophora chinensis, nome scientifico del Tarlo asiatico, o Cerambice dalle lunghe antenne, è un coleottero esotico proveniente dall’estremo oriente.

La larva di questo insetto, si nutre del legno vivo di tronco e delle radici di Aceri, Betulle, Faggi, Platani, Noccioli e tante altre piante presenti nei nostri giardini e lungo i nostri viali. 

La lotta a questo pericoloso insetto si basa su intensi monitoraggi annuali, e abbattimenti mirati delle piante colpite e delle piante sensibili presenti nell'intorno. In seguito all'abbattimento si esegue la fresatura delle ceppaie in modo da colpire anche larve residue nelle radici. 

Purtroppo il Tarlo Asiatico ha colpito anche via Rossetti, dove la specie prevalente è l'Acero negundo o Acero americano, una delle più sensibili agli attacchi di questo: è obbligatorio quindi procedere all'abbattimento delle piante colpite e di tutte le specie sensibili presenti in un intorno di 20 m. Gli Aceri si intervallano a dei Prunus da fiore che ci regalano le fioriture ad ogni inizio primavera, ma che non risultano in buono stato fitosanitario. Per la gran parte si osservano rami morti, carie e funghi su rami, branche e fusto. L'Ersaf comincerà a breve con gli abbattimenti e la fresatura dei ceppi, poi in autunno riqualificherà il viale con la messa a dimora di nuove piante arboree pronto effetto di elevata qualità e discrete dimensioni. A questo punto si è deciso di riqualificare l'intero tratto di viale Rossetti da via Garibaldi a Via Roma, procedendo anche alla sostituzione dei Prunus da fiore che come detto non sono in buono stato di salute. Le piante che verranno ripiantate dovranno essere scelte fra le specie non sensibili al tarlo Asiatico, con caratteristiche tipiche da piante da viale e che non abbiano uno sviluppo eccessivo.

Noi aggiungiamo che ci spiace per le piante e per l’intervento così pesante, ma parte il fatto che è obbligatorio e interverrà l’Ersaf, è vero anche che se quest’estate purtoppo la via Rosseti si presenterà spoglia, quest’autunno poi la potremo vedere riqualificata, con nuove piante che dovrebbero essere più resistenti.


Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post